L’abito di Cersei riflette la sua “morte interiore” – Ce lo racconta la costumista


Fra gli aspetti più notevoli di “The Winds of Winter” c’erano i costumi, specialmente quello di Cersei. Se mai esistesse un supervillain del Continente Occidentale, si vestirebbe così, con le spalline corazzate, le catene e la fredda, nuda corona fatta a mo’ di cerchietto. In un’intervista, il regista Miguel Sapochnik ha paragonato Cersei ai cattivi dei film di James Bond, e sì, ha azzeccato.

Fra l’altro, “The Winds of Winter” è l’unico episodio della stagione che HBO ha nominato agli Emmy Awards per il premio Migliori costumi per una serie tv, e il vestito di Cersei deve assolutamente essere in gara.

Michele Clapton, costumista di Game of Thrones (la sua presenza è confermata per la settima stagione) ha parlato con Vulture del processo di design del suo abbigliamento. Era particolarmente soddisfatta della corona di Cersei, che ha definito “una delle corone migliori che abbia mai fatto.”

Ho deciso di farla in argento con solo alcuni fili d’oro, per cercare di mostrare il suo isolamento, il suo distacco mentale dalla famiglia. Non c’è alcun riferimento a Robert Baratheon; non serve più. Non ha bisogno di cercare di dimostrare un collegamento al trono. Al centro della corona c’è il sigillo del leone, disegnato in modo astratto – la sua criniera rappresenta il Trono di Spade, il suo desiderio. Ha reso sua la corona – è rinata.

Secondo la Clapton, Cersei indossa molti gioielli quando non si sente sicura di sé. Nel finale di stagione, il suo abbigliamento è semplice e sobrio – si sente fiduciosa. Questo contrasta con l’ultimo look di Tommen, dove la grande quantità di gioielli preziosi era indicativa del peso delle sue responsabilità. “Era un bravo ragazzo”, sostiene la Clapton. “Troppo buono per tutto questo.”

Tommen si è tolto la vita in “The Winds of Winter”, perciò, anche se Cersei ha trovato una rinnovata sicurezza nelle sue abilità di comando, ha pagato un caro prezzo.

“È morta interiormente ora il suo desiderio è chiaro: vuole il potere, il trono, alle sue condizioni.”

Dunque, in poche parole, ora Cersei non ha più restrizioni, il che non è buono per nessuno. Auguriamo buona fortuna alla Clapton per gli Emmy!

Traduzione: Chiara
Editing e Adattamento: Quinn


Un commento su “L’abito di Cersei riflette la sua “morte interiore” – Ce lo racconta la costumista

I commenti sono chiusi.